Più leggero, più movimento

Benelli, vero precursore della “filosofia del 20”, applica con successo le sue scelte tecniche in questo semiautomatico dedicato alla Regina del bosco che, grazie al piccolo calibro, è maneggevolissimo

di Massimo Castiglione

È noto che la beccaccia è fra le prede più impegnative: questo piccolo volatile vive per lo più in ambienti ostili al cacciatore e il suo volo veloce e zigzagante è caratterizzato da traiettorie imprevedibili che lo portano ad apparire e scomparire nel folto con estrema rapidità. Per questa preda tanto ambita occorrono riflessi pronti, buona mira e grande padronanza del fucile, che deve garantire ampie rosate, folte e ben guarnite.

continua la lettura a pag. 46 N. 82/2019

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information