Quelle storie cupe, tetre e buie

Scarso uso delle armi autoctone e netta preferenza per quelle americane: nei film noir francesi Smith & Wesson, con i revolver, e Colt, con le semiauto, paiono dividersi “il mercato” senza problemi

di Cristina Brondoni
www.tutticrimini.com

Le origini del noir affondano le radici nella letteratura di genere americana e francese, nei racconti e nei fatti di attualità raccontati dai giornali di cronaca nera. Noir perché le atmosfere sono cupe, tetre, buie. E così le storie che nella maggior parte dei casi raccontano di assassini, amanti, soldi e trame che si dipanano su sfondi di provincia e in grandi città in cui tutto è avvolto dalla nebbia o dal favore delle tenebre.
Nei noir è difficile che ci sia un eroe a tutto tondo contrapposto a un antagonista sicuramente cattivo. Il cinema noir francese, in particolare, ha sondato l’universo umano senza mai delineare nettamente bene e male.

continua la lettura a pag. 104 N. 55/2016

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information