Cerca nel sito

Newsletter

Registrarsi è completamente gratuito. Compila i dati nel form sottostante.
Privacy e Termini di Utilizzo
Banner
Banner
Banner

Classici

Il Migliore

Prodotto in due continenti e nettamente superiore dal punto di vista tecnico rispetto alla concorrenza, ebbe un momentaneo successo che finì con l'avvento della cartuccia metallica e della retrocarica

di Paolo G. Motta e Ettore Venesio
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Army and Navy Club, Londra, 6 gennaio 1856.
“Signore, ho provato nella battaglia di Inkermann i vantaggi del vostro revolver nei confronti del Colt. Essendo circondato dai russi, ho dovuto tirare quattro volte il grilletto; ho potuto farlo rapidamente senza armare il cane, come avrei dovuto fare con il Colt, e ciò mi ha salvato la vita...”. Così scriveva un ufficiale dell'88° Reggimento alla London Armoury Company che costruiva il revolver Adams-Beaumont.

continua la lettura a pag. 102 N. 51/2016

Dieci anni dopo

Con la consueta capacità progettuale che le ha permesso di innovare continuamente i suoi prodotti, la Benelli presentò nel 2006 la famiglia di fucili semiauto M2 in calibro 12, tuttora molto richiesti grazie alla ricchezza di caratteristiche e all'ottimo livello costruttivo

di Paolo Tagini
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Nel corso di una storia che si avvia ormai a compiere il mezzo secolo, il fucile semiautomatico Benelli è stato oggetto di diverse modifiche progettuali intese a migliorarne caratteristiche e prestazioni. Brevemente, possiamo ricordare che dopo una decina d’anni dall’inizio della produzione (1967), fu introdotta nel 1978 la serie di modelli SL 80, che indubbiamente contribuì al successo della Casa urbinate. Presentava, rispetto alla precedente produzione, una scelta più ampia per quanto riguarda le versioni disponibili, alcuni perfezionamenti alla meccanica e al funzionamento inerziale nonché un nuovo gruppo di scatto, interamente riprogettato.

continua la lettura a pag. 96 N. 51/2016

2016, si replica

Come lo scorso anno, la Casa d'aste Hermann Historica riesce a offrire al pubblico dei collezionisti l'incredibile numero di 370 lotti di pistole Parabellum, accessori e documentazione ad esse relative diventati ormai introvabili

di Adriano Simoni
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Dopo quella della primavera 2015, un’altra prestigiosa collezione di Parabellum verrà messa all’asta dalla Hermann Historica il prossimo 18 aprile. Se da un lato dobbiamo plaudire alla capacità della Casa di Monaco di Baviera nel trovare nuove selezioni da mettere in asta, dall’altro dispiace che collezioni di prestigio, messe insieme con competenza e impegno durante tanti anni, vengano disperse nell’arco di una sola tornata d’asta.

continua la lettura a pag. 92 N. 51/2016

CREATORI DI PRECISIONE

Il motto della Victrix Armaments, la giovane azienda cui sono dedicate queste note, ci sembra il titolo ideale per narrare una storia fatta di impegno e creatività al servizio della Precisione intesa sia come obiettivo assoluto sia come scienza. Perché per competere nelle discipline del tiro sulle lunghe distanze non vi è altro metodo all’infuori di quello scientifico.

di Francesco Battista

La VI Victrix fu un’indomita Legione dell’esercito romano, fondata da Ottaviano nel 41 a.c. e in seguito a lungo di stanza in Britannia, ove partecipò alla costruzione del Vallo di Adriano; nei suoi ranghi servì durante questo periodo il generale di cavalleria Lucio Artorio Casto, che secondo alcuni studiosi sarebbe la figura storica da cui trasse origine il mito di Re Artù. Non sappiamo se i fondatori della Victrix Armaments di Cazzano S. Andrea, in provincia di Bergamo, si siano ispirati a questo antico e glorioso reparto militare per battezzare la propria azienda, ma sicuramente questo nome latino è stato di buon auspicio, considerati gli allori colti alla prima uscita sui sacri campi di Bisley, il tempio del tiro sulle lunghe distanze.

continua la lettura a pag. 60 N. 51/2016

IL PORTO OPERATIVO

Il Porto Operativo rappresenta la modalità in cui l'operatore mantiene e porta sulla propria persona l’arma corta, pronta per l'impiego. Le “Conditions of Readiness” furono create in base a questo principio: il compianto Colonnello Cooper distinse e catalogò le tre principali Conditions nelle quali l’arma può essere portata, come vedremo in questo primo articolo

di Tony Zanti
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

La ragione primaria per cui l’arma corta è portata sulla persona consiste nel fatto che, pistola semiautomatica o revolver che sia, è facilmente dissimulabile nel vestiario indossato e altrettanto facilmente pronta per essere puntata sul bersaglio armato.
Dobbiamo puntualizzare che, in effetti, l’arma corta è portata dall’operatore armato per convenienza (essendo di ridotte dimensioni, può essere portata anche in modalità discreta) e non perché costituisca una soluzione veramente efficace nel campo del confronto armato. Infatti, le munizioni da arma corta mal si prestano ad assolvere il pur evanescente concetto di “potere d’arresto”, in quanto l'efficacia del loro proiettile difficilmente causerà la cessazione immediata dell'ostilità dell'aggressore, se non dopo aver colpito un organo vitale – e a volte ciò non accade in maniera certa e assoluta.

continua la lettura a pag. 108 N.50/2016

Altri articoli...
Banner

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information