Cerca nel sito

Newsletter

Registrarsi è completamente gratuito. Compila i dati nel form sottostante.
Privacy e Termini di Utilizzo
Banner
Banner
Banner

Classici

Quelle storie cupe, tetre e buie

Scarso uso delle armi autoctone e netta preferenza per quelle americane: nei film noir francesi Smith & Wesson, con i revolver, e Colt, con le semiauto, paiono dividersi “il mercato” senza problemi

di Cristina Brondoni
www.tutticrimini.com

Le origini del noir affondano le radici nella letteratura di genere americana e francese, nei racconti e nei fatti di attualità raccontati dai giornali di cronaca nera. Noir perché le atmosfere sono cupe, tetre, buie. E così le storie che nella maggior parte dei casi raccontano di assassini, amanti, soldi e trame che si dipanano su sfondi di provincia e in grandi città in cui tutto è avvolto dalla nebbia o dal favore delle tenebre.
Nei noir è difficile che ci sia un eroe a tutto tondo contrapposto a un antagonista sicuramente cattivo. Il cinema noir francese, in particolare, ha sondato l’universo umano senza mai delineare nettamente bene e male.

continua la lettura a pag. 104 N. 55/2016

La Barricata Alta

Una delle regole primarie del tiro difensivo IDPA è sfruttare tutto ciò che può fornirci una protezione.

Una delle regole fondamentali richieste nel tiro difensivo IDPA è sfruttare sempre tutte le coperture disponibili (si intende tutto ciò che può darci un riparo dal pericolo) atte a proteggerci nei confronti delle sagome potenzialmente ostili poste nello scenario in cui dobbiamo agire. Significa quindi utilizzare tutte le barricate, alte o basse, che vengono appositamente previste nel Course of Fire, sia per orientarci verso la posizione di ingaggio, sia per utilizzarle nel caso si debba risolvere un malfunzionamento dell'arma o effettuare una ricarica.

continua la lettura a pag. 111 N. 54/2016

IL TIRO DALLE POSIZIONI A CONTATTO™

Come abbiamo visto negli scorsi numeri di questa rivista, le Posizioni a Contatto™ del Tiro Dinamico Operativo® sono state ideate allo scopo di offrire all’arma corta un punto di appoggio sul corpo dell’operatore. Esse sono utilizzate nel contesto della sicurezza operativa (puntamento sicuro e ritenzione) e al tempo stesso fungono da Posizioni di Pronto™. In questo articolo tratteremo quelle Posizioni a Contatto™ del TDO che possono essere utilizzate nel tiro alle corte distanze, che è la modalità di tiro che si rende necessaria nel CQC (Close Quarter Combat)

continua la lettura a pag. 88 N. 54/2016

Cominciò di qui...

Quasi a sorpresa, la Beretta alla fine del 2002 ritornò nel settore del law enforcement con la carabina Cx4 Storm: nacque allora una nutrita famiglia di armi nota oggi come "serie Storm"

di Paolo Tagini
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

La Cx4 Storm
È una carabina semiautomatica, camerata per calibri da pistola, destinata a vari settori del law enforcement che per il loro servizio necessitano di un’arma lunga ma con caratteristiche di leggerezza e maneggevolezza. Per questa destinazione serve un’arma di facile impiego, sicura nell’uso e versatile, perché deve adattarsi alle esigenze (ma anche alle norme di legge) più disparate. Pure l’estetica gioca un ruolo non meno importante: l’equipaggiamento delle forze di polizia deve trasmettere l’idea dell’efficacia, ma evitare di essere minaccioso.

continua la lettura a pag. 78 N. 54/2016

Il lusso e le armi

Armi, lusso e decadenza, questi gli ingredienti della sigla di THE NIGHT MANAGER miniserie in sei episodi della rete britannica BBC e dell’americana AMC in onda in Italia su Sky Atlantic

di Cristina Brondoni
www.tutticrimini.com

Una sigla che attrae per la musica (composta da Victor Reyes), per il messaggio che dà e per la storia che introduce. Si apre con l’inquadratura di un RPG ben lontano dall’immagine che gli appassionati di armi possono avere in testa: polvere, sudore, lacrime. A tutti gli effetti è un RPG, ma il contesto, lo spazio vuoto e dorato, gli conferisce un che di elegante e chic e, pochi secondi dopo, un calice da cocktail prende il suo posto e poi ancora, i razzi dissuasori lanciati da un C-130 diventano i fili di una collana di perle e le gocce di un pregiato lampadario si trasformano in mine antiuomo.

continua la lettura a pag. 104 N. 53/2016

Altri articoli...
Banner

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information