Cerca nel sito

Newsletter

Registrarsi è completamente gratuito. Compila i dati nel form sottostante.
Privacy e Termini di Utilizzo
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

News

Cinquant'anni portati bene

L'8 luglio 2017 è un giorno destinato a rimanere nella storia della Benelli che non solo ha festeggiato il mezzo secolo di storia ma che è stata al centro di una serie di importanti iniziative. Al mattino, nell'aula del Consiglio comunale di Urbino, è stata insignita la cittadinanza onoraria all'ing. Luigi Moretti, presidente della Benelli, che nei 33 anni in cui ha ricoperto questa carica ha concretamente contribuito al benessere economico della città marchigiana. Nel suo discorso di ringraziamento, l'ing. Moretti ha sottolineato che «Il motto di Benjamin Franklin “Ben fatto è meglio che ben detto” ci ha accompagnato sempre in questi anni ed è stato il carburante che ci ha spinto, prima ad inseguire, poi a superare i nostri concorrenti, portando sempre più lavoro a Urbino».
Alle 17 ha avuto luogo, nella nuova ala dello stabilimento Benelli, un evento piuttosto originale, vale a dire una tavola rotonda dal tema "50 anni nello stile distintivo Benelli”. Hanno partecipato Lucia Serlenga, giornalista esperta di moda, Philippe Daverio, noto critico d'arte e docente, Paolo Fabbri, docente di semiotica, Gastone Bertozzini, industriale, e Marco Gaudenzi, il designer dei fucili Benelli. Ne è scaturito un incontro decisamente interessante e vivace dal quale è emerso fra l'altro che anche le armi rientrano nel concetto di produzione artistica.
Infine, in serata si sono conclusi i festeggiamenti del cinquantenario con una cena alla quale hanno partecipato tutte le maestranze della Benelli con le loro famiglie: mille persone accomunate dall'orgoglio di contribuire al successo di un'azienda leader.

Calciature GRS Berserk

GRS Riflestocks AS, è un'azienda norvegese che costruisce calciature d'alta gamma, impiegate come primo equipaggiamento da vari marchi celebri, e disponibili come aftermarket tramite Adinolfi, importatore esclusivo per l'Italia.
Il modello Berserk rappresenta un'eccezione nel catalogo GRS, dove la betulla laminata lascia spazio ai polimeri, per l'esattezza Durethan rinforzato con l'aggiunta di un 15% di fibra di vetro. L'impiego di un materiale sintetico elimina qualsiasi necessità di manutenzione, già molto ridotta nel caso legno laminato, aumenta ulteriormente l'indifferenza ai fattori ambientali, e si riflette positivamente anche sul prezzo.
È chiaro come questo prodotto si rivolga a una clientela particolare, desiderosa di poter contare sull'ergonomia e le regolazioni delle calciature GRS, ma che per via delle armi impiegate e delle condizioni ambientali in cui opera, necessiti di un materiale plastico.
La forma ricalca quella del GRS Sporter. L'eccellente ergonomia è il frutto di piccole attenzioni, come l'impugnatura inclinata di sei gradi verso il lato, che consente una posizione più naturale, evitando di stressare il polso e indurre tensioni muscolari. Per aumentare il grip a mani bagnate, impugnatura e astina hanno inserti in gomma, e alcune zone della calciatura sono rivestite da una texture ruvida, a buccia d'arancia.

Leggi tutto...

Imparare a non sparare

Nei casi di aggressione bisogna prendere decisioni difficilissime in un attimo e in questi frangenti l'errore può essere fatale. Il corso di difesa della Arsenal Firearms Shooting Academy focalizza al massimo l'attenzione su questo aspetto, insegnando all'allievo la tecnica corretta di comportamento qualora si debba necessariamente fare ricorso all'arma

di Paolo Tagini
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Conosciamo la Arsenal Firearms come una dinamica fabbrica di armi, dalle idee spesso geniali e sempre innovative, che in pochi anni si è fatta conoscere soprattutto per le sue pistole (qualcosa sta però bollendo in pentola anche nel settore delle armi lunghe...). Un'estensione quasi naturale dell'attività di un costruttore di armi utilizzabili anche anche per la difesa personale e abitativa dovrebbe essere l'insegnare a usarle correttamente: affermazione forse lapalissiana ma, nei fatti, con poco seguito.

continua la lettura a pag. 64 N. 66/2017

Altri articoli...
Banner

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information