Cerca nel sito

Newsletter

Registrarsi è completamente gratuito. Compila i dati nel form sottostante.
Privacy e Termini di Utilizzo
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Accessori

Strumento serio per la lunga distanza

Rifuggendo le mode attuali delle compensazioni balistiche, la Nikon propone questo sobrio cannocchiale da tiro apprezzabile per le eccellenti qualità ottiche e meccaniche

di Massimo Castiglione
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

I cannocchiali da puntamento Nikon della serie Monarch 5 presentano, quale caratteristica distintiva, il fattore d'ingrandimento 5x che può essere considerato un eccellente compromesso fra il tradizionale 4x e il potente ma complesso 6x. Con questo valore si possono ottenere un'eccellente flessibilità d'impiego e una precisione notevole sulle lunghe distanze, come dimostra il modello 6-30x50 di queste pagine, un cannocchiale da tiro che – detto in buona sostanza – ha tutto quello che serve.

continua la lettura a pag. 70 N. 47/2015

Se il prezzo non incide sulla qualità

Il nuovo cannocchiale Leica LRS 6,5-26x56 per il tiro di caccia alla lunga distanza è un concentrato di qualità ottica e ingegneria meccanica. Quanto alla praticità d’uso, basta seguire le istruzioni del bino-telemetro per regolare la torretta dell'alzo

di Massimo Castiglione
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

L’utilizzo di vetri eccellenti e di trattamenti all’avanguardia è alla base di ogni strumento Leica da più di un secolo; d'altra parte immagini ben contrastate e dalla nitidezza impeccabile sono fondamentali in uno strumento, come il nuovo cannocchiale da puntamento LRS 6,5-26x56, che deve affrontare la sfida dei 26 ingrandimenti. Le prove dimostrano che il nuovo LRS “incide” i contorni degli animali, tanto da “staccarli” rispetto allo sfondo, anche sulle lunghe distanze e in condizioni di luce non proprio ottimali. Questo risultato non si deve al caso, ma alla ricca tecnologia applicata, che prevede fra l'altro il trattamento superficiale sulle lenti esterne Aquadura®, di cui Leica è giustamente fiera per l'elevata resistenza all’abrasione anche da parte dei panni usati per la pulizia. Inoltre, l’obiettivo da 56 millimetri garantisce tutta la luminosità necessaria per i tiri crepuscolari.

continua la lettura a pag. 102 N. 46/2015

La torcia capovolta

L’evoluzione tecnologica e le recenti tecniche di tiro hanno portato allo sviluppo di torce di nuova generazione e di innovative tecniche di montaggio sui sistemi d’arma. Abbiamo avuto modo di testare la torcia Inforce WML concepita in risposta alle nuove necessità degli operatori

di Paolo Princi
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Montare una torcia tattica su un’arma non è mai stato semplice e soprattutto funzionale. Normalmente era necessario l’utilizzo di anelli ed interruttori remoti con cavetti volanti ed elastici o fascette di sicurezza. Un'altra soluzione era quella dei sistemi di illuminazione integrati nei guardamano o nelle impugnature verticali, dando origine ad accessori molto costosi e pesanti che obbligavano ad avere la torcia montata sotto l’arma. Il montaggio “ad ore 9” sembrerebbe il più funzionale, in realtà ha un grande difetto: la canna dell’arma crea infatti un cono d’ ombra ad ore 12 che può far celare alla vista un bersaglio in posizione rialzata rispetto all’operatore. Lo stesso dicasi per il montaggio laterale della torcia che inevitabilmente crea un cono d’ombra dal lato opposto.

continua la lettura a pag. 82 N. 46/2015

Una nuova tecnologia per la protezione dell'udito

Farmacare, azienda da oltre venti anni nel settore della distribuzione in ambito sanitario di dispositivi medici e prodotti per la salute è, da qualche mese, esclusivista per la distribuzione in Italia dell’innovativa tipologia di inserti auricolari NoNoise realizzati tenendo conto del principio di funzionamento del “tubo Venturi”

a cura della Redazione

Prodotti in Olanda, presso uno stabilimento dotato delle tecnologie produttive più all’avanguardia, gli inserti auricolari NoNoise sono approvati in Germania dall’IFA, Istituto per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro, e dal DGIV, Ente Nazionale di Assicurazione Contro gli Infortuni. Sono inoltre conformi alla rigida normativa europea EN 352-2:2002.
Gli inserti auricolari NoNoise sono disponibili in otto modelli, ciascuno dei quali realizzato per la protezione da uno specifico tipo di rumore a seconda dell’utilizzo cui è destinato. L’esclusivo e brevettato filtro ceramico, dimensionato appositamente per ciascun prodotto della gamma, permette la selezione delle frequenze sonore proprio in base al principio del tubo Venturi.
Gli inserti auricolari NoNoise sono stati lungamente testati, sperimentati e successivamente largamente utilizzati in molteplici Paesi nella versione Sparo, sia in campo professionale che militare (forze di Polizia, esercito); sono stati testati con successo anche dalla nostra Redazione.

continua la lettura a pag. 92 N. 44/2015

Con i tentacoli (e ali) ai piedi

Quando la scarpa diventa un elemento fondamentale della prestazione sportiva. Ma anche dell'outdoor più impegnativo di Zeus

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

L'evoluzione degli accessori – buffetteria in primis – per il tiro d'azione ha avuto uno sviluppo esponenziale negli ultimi anni quando ricerca, sperimentazione maturata sui campi di gara, e tecnologia si sono coniugati per offrire ai praticanti accessori sempre più funzionali. Si è iniziato con fondine, cinture e porta-caricatori per passare all'abbigliamento con impiego di materiali sempre più tecnici; ma per la parte del corpo che permette di correre o saltare si è ricorso al gusto personale, adattando quanto reperibile sul mercato nato però per altre attività sportive. Nel tiro d'azione, ed in particolare per la disciplina che ha il maggior numero di praticanti a livello mondiale – il tiro dinamico – all'atleta sono richieste partenze brucianti, arresti bruschi, cambi di direzione repentini con relativa torsione dell'appoggio; il tutto su terreni molto diversi tra loro (sterrato normale, sabbioso, sassoso, fangoso, erboso spesso bagnato e quindi maggiormente sdrucciolevole).

continua la lettura a pag. 89 N.44/2015

Altri articoli...
Banner

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information