Cerca nel sito

Newsletter

Registrarsi è completamente gratuito. Compila i dati nel form sottostante.
Privacy e Termini di Utilizzo
Banner
Banner
Banner

Coltelli

Un pieghevole per tutti i giorni

Realizzato nella città statunitense di Golden, Colorado, grazie alla sua leggerezza e al felice disegno il Native della Spydeco è un coltello pieghevole ideale per l’utilizzo quotidiano, ciò che gli americani sintetizzano con l’acronimo EDC, ovvero EveryDay Carry

di Alessandra De Santis


Il nome Spyderco è associato storicamente alle innovazioni introdotte nei coltelli pieghevoli, quali l’invenzione della clip applicata ai tascabili e l’apertura della lama con una sola mano: per quest’ultima bisogna addirittura tornare indietro agli inizi degli anni Ottanta, quando i capaci tecnici della ditta brevettarono e immisero sul mercato coltelli chiudibili caratterizzati dalla presenza sulla lama di un foro di dimensioni generose, chiamato Spider Hole, che ne consentiva l’apertura con l’azione del solo pollice.
Con il C41 Native, la rinomata Casa americana conferma la dedizione alla ricerca e allo sviluppo di prodotti la cui chiave sia l’affidabilità e la funzionalità, grazie soprattutto alla scelta di materiali di qualità in grado di offrire alte prestazioni.

Le caratteristiche
Complessivamente il coltello è lungo 17,8 centimetri da aperto e 10 quando chiuso, con un peso ragionevole di 75,2 grammi; essendo molto sottile scivola facilmente in tasca, senza dare alcuna fastidiosa sensazione di ingombro.
La lama, dalla forma accattivante e aggressiva, è lunga 8 centimetri e spessa 3 millimetri, ed è di tipo drop point, con biselli concavi (hollow grind); il peso è stato ridotto grazie all’aggiunta di un pronunciato falso controfilo, che accentua il carattere grintoso del coltello ma soprattutto ne migliora la capacità di perforazione. Sul dorso è presente la godronatura per il posizionamento del pollice.
Per questo prodotto Spyderco ha scelto l’acciaio tipo CPM S30V, generalmente impiegato per i loro coltelli della linea di fascia più alta. Si tratta di un materiale incredibilmente resistente, con una ottima tenuta del filo; è ancora relativamente facile da affilare e offre una buona resistenza alla corrosione. Senza dubbio tale scelta è un punto di forte attrazione in quanto questo acciaio è uno dei migliori sul mercato, nonché tra i più costosi.
Il coltello assicura ottime prestazioni ed è certamente un prodotto in grado di garantire molte soddisfazioni per l’utilizzo quotidiano. La lama è assai affilata, al punto da rasare i peli delle braccia con un solo passaggio (brutto vizio che hanno molti appassionati di coltelli per provare in modo empirico l’efficacia del filo); infatti Spyderco ci ha abituati da sempre a prodotti con una affilatura impeccabile.

Cold Steel Triple Action

Paragonabile a un Balisong per fascino, il Triple Action prodotto dalla Cold Steel Inc. è un particolare coltello la cui apertura avviene in tre azioni, come dice il nome stesso

di Alessandra De Santis


Mentre il Balisong, coltello di origine filippina il cui nome è stato trasformato in occidente in coltello ‘a farfalla’ (in inglese butterfly) per la particolarità dell’apertura longitudinale del manico ‘ad ali di farfalla’, il Triple Action è realizzato con una impugnatura che incorpora completamente la lama quando il coltello è chiuso.
L’apertura del coltello avviene in tre movimenti grazie alla presenza di due perni in posizioni opposte, uno per la lama e l’altro per la metà dell’impugnatura; si sgancia la metà mobile dell’impugnatura (1) con l’ausilio del pollice, e successivamente si estrae la lama grazie alla presenza del thumb stud (2) per poi richiudere la metà dell’impugnatura mobile (3), ottenendo un coltello apparentemente a lama fissa.
Sembra più complicato di quello che è in realtà; infatti con un po’ di pratica e di manualità si riesce ad aprire e chiudere il coltello con il solo movimento del polso, con la stessa velocità di un Balisong.
Questa particolarità costruttiva conferisce al prodotto una resistenza che non è da sottovalutare; infatti il coltello è stato disegnato per resistere a uno sforzo di 57 chilogrammi esercitato sull’impugnatura a coltello aperto, dando piena sicurezza agli utilizzatori ed eliminando ogni timore di rottura.
Il Triple Action è disponibile sia nella versione a lama Tanto – a filo piano o seghettato – sia nella versione a daga a doppio filo, per la detenzione della quale ricordiamo che è necessaria la denuncia.
Il design del modello Tanto è un tuffo nel fascino e nella tradizione d’Oriente, grazie alle incisioni stilizzate che rappresentano il bambù giapponese. Il modello a daga riporta invece una decorazione che ricorda il motivo del ‘nodo infinito’, che gli conferisce un aspetto più elegante e si sposa perfettamente con la simmetria della lama.

SCHEMPP NAVAJA, DA SPYDERCO

Non è semplicemente la reinterpretazione moderna di un oggetto della tradizione, ma un’autentica navaja che beneficia di tecnologie e materiali moderni, che vedete in anteprima per l’Italia

di Roberto Allara

 

Le origini della navaja si fanno risalire agli ultimi anni del XVII secolo, quando fu proibito a tutti gli spagnoli non nobili di portare la spada. Le prime versioni erano senza molla, con la tipologia ‘a due chiodi’, ma ben presto, parallelamente allo svilupparsi nella penisola iberica della capacità di produrre un affidabile acciaio per molle, il coltello fu dotato di una molla dorsale esterna, non dissimile da quella del coltello anconetano della tradizione italiana.
La nuova versione divenne ben presto popolare in Spagna e se ne iniziò l’esportazione verso la Francia, l’Italia e la Corsica, ma fu ulteriormente migliorata nella prima parte del XVIII secolo introducendo il blocco della lama, realizzato da una protuberanza del tallone che entrava di precisione in un foro della molla.

E la navaja de muelles, nell’apertura, produceva un rumore caratteristico: la carraca, quel tipo di rumore, generato dal contatto delle parti di metallo, che da noi troviamo nel coltello romano con lo scrocco, ma che nella navaja non ha un significato ritualizzato.
Con il blocco della lama la navaja passò dalla condizione di attrezzo agricolo-pastorale a quella di apprezzata arma, tanto che già nel 1750 se ne vietò il porto in Catalogna. Come spesso accade la proibizione ne aumentò la diffusione, rendendola arma dei guerriglieri contro le truppe napoleoniche e portata da tutte le classi sociali, compresi gli aristocratici e il clero. La diffusione fu così vasta che la navaja divenne ben presto un souvenir per turisti oltre che un’arma; ancorché all’epoca il turismo fosse un fenomeno di élite ristretto a viaggiatori benestanti in Spagna, la tradizione dei pellegrinaggi a Santiago de Compostela ne faceva già un fenomeno diffuso.

L’uso come arma si estese al punto che praticamente in ogni città dell’Andalusia si trovava una scuola di scherma che, in luogo della spada, insegnava il combattimento con il coltello. Con questi precedenti storici ci vuole un coraggio da leone per pensare di ridisegnare la navaja. Si tratta infatti di reinterpretare un coltello di lunga tradizione rendendolo contemporaneo ma mantenendolo immediatamente riconoscibile, senza minimamente snaturarne le caratteristiche e per giunta rendendolo adatto alla produzione industriale.

Qualità e prezzo da CRKT

Il nuovo pieghevole CRKT® Shenanigan PPS, progettato da Ken Onion, è stato premiato  all’ Atlanta Blade Show del 2011 come coltello dal miglior rapport qualità-prezzo. Ken Onion è famoso per i suoi pieghevoli ad apertura assistita, ma in questo modello si è affidato a un sistema di apertura più convenzionale, con la lama che si apre spingendo  una appendice del tallone. Il perno di rotazione è guarnito con rondelle in bronzo che rendono l’operazione ancora più veloce e scorrevole. La lama in acciaio inox AUS8 ha una finitura satinata per micropallinatura e affilatura a rasoio. Disponibile anche la versione con affilatura parzialmente seghettata. L’impugnatura è in Zytel con piastrine interne in acciaio 420J2. Per facilitarne il porto il coltello è dotato di clip in acciaio inox rivestita in teflon. Costa circa 65 Euro.
Per info: www.preziosocoltellerie.com


CRKT K.I.S.S. Assist


Quando apparve la prima versione, fu subito chiaro che si trattava di un coltello rivoluzionario. Semplicissimo ed efficace, attrasse subito l’attenzione di molti coltellinai, di cui alcuni si limitarono ad imitarlo mentre altri suggerirono l’aggiunta di nuove funzioni, come accadde con il K.I.S.S. a due lame. Il problema era come convertire un disegno così essenziale in un coltello ad apertura assistita. Ci sono voluti un po’ di tempo e varie lavorazioni di precisione, ma il risultato è questo K.I.S.S. Assist la cui lama è solidamente bloccata in apertura e non può aprirsi inavvertitamente se il coltello è chiuso. Iln coltello infatti non può essere aperto a meno che si eserciti una deliberata pressione sul pulsante di apertura, dislocando un elemento di blocco ricavato elasticamente dalla monoguancetta. Una soluzione semplice, nello spirito di questo coltello, e assolutamente sicura. Il coltello ha la lama in acciaio AUS-4, un inserto in fibra di carbonio, è lungo 17,1 cm aperto e costa 64 Euro di listino da Prezioso.

Per info: Coltellerie Prezioso -  www.preziosocoltellerie.com

Altri articoli...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information