Cerca nel sito

Newsletter

Registrarsi è completamente gratuito. Compila i dati nel form sottostante.
Privacy e Termini di Utilizzo
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Coltelli

L’evoluzione dell’affilatura a pietra

Nominato al Blade Show “Accessorio dell’anno” per due anni consecutivi (2009-2010) e vincitore del Kitchen Innovations® 2014 Award per gli affilatori professionali da cucina, il Wicked Edge Precision Knife Sharpner ha rivoluzionato il mondo dell’affilatura professionale e non

di Alessandra De Santis
www.knives-reviews.eu

Nel corso degli anni abbiamo avuto modo di testare diversi sistemi di affilatura, da quelli elettrici alle pietre di vario tipo (con o senza guide), e difficilmente abbiamo potuto riscontrare una combinazione di precisione, efficienza, versatilità e ripetibilità di affilatura come nel Wicked Edge.
Gli appassionati di coltelli, così come i collezionisti, sanno quanto a volte può essere stressante dover affilare un coltello di valore, con il timore di rovinare il filo o l’eventuale finitura superficiale della lama. Con il sistema Wicked Edge, molti di questi problemi vengono efficacemente risolti.
Il sistema è stato concepito in modo tale da consentire di realizzare una sorprendente affilatura a rasoio omogenea su tutta la lunghezza della lama ed è estremamente versatile, consentendo di regolare l’angolo di affilatura e di poterlo impiegare su coltelli di svariate lunghezze e spessori di lama.
In molti casi il coltello dopo essere stato affilato con questo sistema, arriva a tagliare meglio di quanto facesse in origine, appena uscito dalla confezione.

continua la lettura a pag. 94 N. 35/2014

Un gentleman’s knife firmato Metthew Lerch

Il Cobia, novità 2014 del famoso brand americano CRKT, è un coltello chiudibile per uso quotidiano dal design intrigante e di assoluta eleganza, degno rappresentante della categoria gentleman’s pocket knife, come direbbero gli americani

di Alessandra De Santis
www.knives-reviews.eu

Dalle sue forme traspare immediatamente la classe, ma allo stesso tempo la praticità, che contraddistinguono i progetti di Matthew Lerch che, non a caso, ha un passato da gioielliere ed orologiaio. In un secondo tempo Lerch ha spostato il tuo interesse verso il mondo della lame ottenendo un successo dopo l’altro, brevettando numerosi meccanismi di apertura di coltelli chiudibili, come ad esempio il Fire Safe®, e ideando numerosi design di successo come l’Endorser™ ed il Moxie™, prodotti dalla CRKT.
La peculiarità del Cobia, che balza subito agli occhi, è la fresatura realizzata sull’impugnatura che riproduce una trama a squame di pesce. Gli appassionati di pesca sportiva sapranno infatti che il Cobia è il nome di un pesce d’acqua salata, della specie Rachycentron canadum, dal corpo allungato, snello e muscoloso, che si può incontrare nel Mar Rosso e nelle acque costiere degli Stati Uniti. Per il suo temperamento forte e combattivo, ma anche per la qualità delle sue carni, il Cobia è tra le prede più ambite dai pescatori sportivi.

continua la lettura a pag. 92 N. 34/2014

Siete pronti all’apocalisse dei morti viventi?

Nato nel 2007 da un’idea di tre amici di Missoula (Montana, USA), Zombie Tools è divenuto un marchio di successo in pochissimo tempo cavalcando l’onda dell’emergenza Apocalisse Zombie, mito che in quegli anni era esploso in America e che successivamente è dilagato un po’ in tutto il mondo

di Alessandra De Santis
www.knives-review.eu

I fondatori Maxon McCarter, Joey Arbour e Chris Lombardi, con la comune passione per le lame, la scienza e l’arte (ma anche la birra, le saghe nordiche e il divertimento in generale), sono riusciti a realizzare un progetto originale e creativo, smentendo tutti quelli che lo avevano inizialmente etichettato come una stupida idea. Il loro approccio è assolutamente goliardico e spiritoso, come si evince dal loro sito web ufficiale (e non poteva essere diversamente, visto il target prefissato), ma la loro professionalità, creatività e l’originalità dei loro prodotti sono assolutamente pregevoli, al punto di essere stati impiegati sul set di film e serie televisive horror (come ad esempio il film canadese “Città d’ossa”, la serie “The Strain” e altri ancora).

continua la lettura a pag. 96 N. 33/2014

Survival di successo

Cold Steel, uno dei marchi leader nella produzione industriale di coltelli, spade ed armi bianche di ogni sorta, annovera tra i suoi prodotti di successo l’SRK, acronimo di Survival Rescue Knife, coltello entrato a far parte della dotazione standard dei Navy Seals durante il corso BUD/S (Basic Underwater Demolition/Seal)

di Alessandra De Santis
www.knives-reviews.eu

Pur avendo un design molto semplice ed essenziale, la sua qualità e resistenza lo hanno reso un ottimo coltello da sopravvivenza ed utility. Il peso, le dimensioni perfette e, di conseguenza, la sua maneggevolezza, sono caratteristiche che lo hanno portato ad essere così popolare nel corso degli anni, al punto da rinnovarne la produzione. Infatti l’SRK era inizialmente realizzato in acciaio carbon V (acciaio al carbonio) con rivestimento epossidico mentre, nella versione attuale, il coltello è realizzato in acciaio giapponese AUS-8A con rivestimento in teflon (più resistente del precedente). Alcuni sostengono che questo acciaio dia prestazioni inferiori rispetto a quello utilizzato nel modello precedente, ma bisogna considerare che tutti gli acciai sono inevitabilmente un compromesso in almeno un aspetto delle loro prestazioni.

continua la lettura a pag. 94 N. 32/2014

Piccolo, discreto e tattico

L’N.K. 1 è il primo neck knife nato in casa Extrema Ratio, tipologia che va a completare la già vasta serie di coltelli tattici prodotti dal famoso marchio di Prato

di Alessandra De Santis
www.knives-reviews.eu

In epoche passate, tra i pionieri del neck knife ci furono sicuramente gli indiani d’America, che da sempre adottarono il porto al collo del coltello, tramite foderi realizzati in cuoio e altri materiali naturali (come mostrano alcuni dipinti del periodo coloniale raffiguranti Sioux e Chippewa). Tornando invece ai nostri tempi, la diffusione sul mercato di questo genere di prodotti, verso la fine dagli anni ’90, si deve principalmente all’introduzione dei foderi realizzati in materiali sintetici, che hanno consentito ed agevolato il porto del coltello in posizione inversa. Prima di essere diffusi su larga scala, questi prodotti erano stati ideati e realizzati in modo artigianale da alcuni coltellinai (tra tutti ricordiamo Newt Livesay, Dozier e Nealy).
I neck knives, nella concezione moderna, sono coltelli a lama fissa tattici di piccole dimensioni, che vengono portati al collo tramite un fodero (realizzato in materiali sintetici), corredato di un cordino o catenella che trattiene lo strumento – all’altezza dello sterno - in modo tale che sia posizionato con la lama verso l’alto e l’impugnatura verso il basso, pronto per essere facilmente raggiunto ed estratto.

continua la lettura a pag. 96 N. 31/2014

Altri articoli...
Banner

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information