Cerca nel sito

Newsletter

Registrarsi è completamente gratuito. Compila i dati nel form sottostante.
Privacy e Termini di Utilizzo
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Gare

Erano sei amici (+1)

Nata per recuperare i contenuti iniziali del tiro IPSC, la International Defensive Pistol Association o, più semplicemente, IDPA si appresta a compiere vent'anni di proficua attività

di Zeus
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Possiamo suddividere l’impiego dell’arma da fuoco in due aspetti ben distinti: quello ludico e quello militare. Le specialità di tiro a segno ludico hanno sempre portato gli uomini a confrontarsi per trovare il modo migliore nel centrare un puntino su una carta ad una predeterminata distanza, quelle militari a centrare sempre un puntino nero che non è di carta con uno scopo letale per far vincere la propria fazione. Tra i due estremi e tutte le varianti si è posizionata una nuova tipologia di tiro e di gara: il tiro difensivo IDPA.

continua la lettura a pag. 74 N. 48/2016

2007, nasce il Tiro Rapido Sportivo

Questa nuova disciplina, più “movimentata” rispetto a quelle tradizionalmente praticate nei poligoni del Tiro a Segno Nazionale, segna un crescente interesse da parte dei tiratori

di Roberto Bauso
Membro Commissione Nazionale TRS

Il Tiro Rapido Sportivo fa la sua prima apparizione tra le diverse discipline dell’Unione Italiana Tiro a Segno nel 2007 con una bozza di regolamento che dapprima interessava solo alcune Sezioni, che tra l’altro organizzavano le prime garette su base regionale.
Inizialmente, come nuova disciplina, prevedeva delle prove suddivise per livelli in funzione degli esercizi da svolgere (cosa sono gli esercizi? Lo vedremo più avanti):
livello A, che prevedeva uno o due esercizi da svolgere in ambito sezionale;
livello B, da 3 o 4 esercizi valevole per la qualificazione al circuito regionale;
livello C da 5 esercizi per la finale regionale e, per ultimo, il livello D da 5 o più esercizi per la Finale Nazionale.

continua la lettura a pag. 58 N. 48/2016

Ex-ordinanze al traguardo

Eccoci giunti alla fine del campionato di tiro UITS per le armi ex-ordinanza, che ha visto quest’anno prestazioni eccellenti da parte di molti tiratori e un mezzo colpo di scena nella giornata della finale: grazie a condizioni meteo più o meno avverse ha impedito ad alcuni dei favoriti di farsi avanti fino alla finalissima.

Scarica i risultati

Beretta e il Tiro Dinamico Sportivo

Sull’onda dei successi del fucile 1301 Comp calibro 12, lo scorso 10 novembre è stato svelato il programma dell’azienda di Gardone per la divulgazione di una delle discipline di tiro più adrenaliniche ed in crescita per numero di appassionati.
Beretta nel celebrare la prestigiosa vittoria di Roberto Vezzoli e degli altri atleti Italiani ai recenti Mondiali di Shotgun, con il loro 1301 Comp, è lieta di lanciare un programma completo per lo sviluppo e la divulgazione del Tiro Dinamico Sportivo in Italia e nel mondo, a fianco della Federazione Italiana di Tiro Dinamico Sportivo.
Il primo immancabile appuntamento sarà in occasione del prossimo Hit Show 2016, la fiera per eccellenza degli appassionati di caccia e tiro, dove al Campo di Tiro Nuovo Borgo di Altavilla Vicentina, accanto alle più note pedane di Sporting e Trap, gli appassionati potranno cimentarsi in una vera prova gratuita di Tiro Dinamico Sportivo con il 1301 Comp, assistiti da Roberto Vezzoli e dagli altri campioni del Team Beretta.
La collaborazione con Roberto Vezzoli, porterà allo sviluppo nell’arco del 2016, di una piccola produzione di pillole video, in cui Roberto, puntando il focus sugli aspetti di sicurezza della disciplina, si cimenterà in un vero “educational” destinato agli appassionati della disciplina e rileverà alcuni segreti per diventare un campione.

Leggi tutto...

Benelli stravince ai Mondiali

Il Campionato del Mondo di Tiro Dinamico, svoltosi ad Agna (Padova) dal 13 al 19 settembre, ha confermato la qualità dei fucili Benelli che si sono aggiudicati otto podi su 12 nelle gare individuali e 8 ori su 10 nelle competizioni a squadre.
640 tiratori su 730 totali hanno scelto di sparare con Benelli, segno che l'azienda è sempre in grado di rispondere alle esigenze dei diversi clienti. Tutti questi dati dimostrano che Benelli e il suo made in Italy continuano ad essere un'eccellenza italiana riconosciuta da tutto il mondo.

Altri articoli...
Banner

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information