Cerca nel sito

Newsletter

Registrarsi è completamente gratuito. Compila i dati nel form sottostante.
Privacy e Termini di Utilizzo
Banner
Banner
Banner

Armi Lunghe

Il fucile del popolo

La Mauser integra la gamma di fucili bolt action da caccia non il nuovo M18, modello dai tratti essenziali ma caratterizzato dalla tradizionale qualità della Casa tedesca, che s'inserisce nella fascia di primo prezzo

I decenni bui, le fasi difficili che ha dovuto incontrare la Mauser nel suo passato più recente sono ormai un ricordo lontano e la Casa tedesca, ora con sede a Isny, prosegue il suo cammino fra i costruttori più affermati di fucili bolt action da caccia. A completamento della gamma è di questi giorni l'annuncio del nuovo modello M18, un bolt action made in Germany destinato a collocarsi nella fascia di prezzo al di sotto dei mille euro che per questo è già stato battezzato "il fucile del popolo".

continua la lettura a pag. 78 N. 74/2018

Progetto in evoluzione

A nove anni dalla presentazione il fucile rigato della Casa di Herstal conferma tuttora la sua estrema validità poiché si aggiungono allestimenti particolari per le diverse branche del tiro e della caccia che adottano, come in questo modello, una calciatura specifica della McMillan

di Emanuele Tabasso

La politica commerciale della Casa di Herstal prevede da parecchi anni alcuni rivenditori autorizzati distribuiti in modo attento, zona per zona, per non creare antipatiche concorrenze: questo comporta il non osservare con la solita frequenza le belle armi del produttore belga/statunitense un po’ in tutte le armerie, ma passando in quella di Bonardo a Bra (CN) si gode di una panoramica appagante del marchio Browning.

continua la lettura a pag. 34 N. 74/2018

PGM Ultima Ratio

Abbiamo avuto modo di effettuare un “assaggio” del fucile da sniper francese PGM Ultima Ratio calibro 7,62x51 e del fucile d'assalto Sig-Sauer MCX calibro .300 Blackout

di Riccardo Revello

Nei giorni 27 e 28 novembre scorsi si è tenuto presso il Poligono Militare di Nettuno un evento patrocinato dalla Angelo Podestà di Genova, società attiva dal 1946 specializzata fra l'altro nella commercializzazione di prodotti per impieghi militari e di polizia. Nel pomeriggio del primo giorno si sono svolte alcune prove a bordo di una VW Tiguan a vetri completamente oscurati con il guidatore indossante un casco munito di giroscopio e accelerometro e con uno schermo virtuale interfacciato a telecamere montate esternamente.

continua la lettura a pag. 106 N. 73/2018

Restyling con grinta

La Diana 21 diventa... Twenty-One FBB: non un semplice gioco di parole ma l'indicazione del fatto che, grazie a pochi ritocchi, l'estetica è diventata ora molto più moderna e anche funzionale

di Massimo Castiglione

Nata nel 1890, la ditta tedesca Mayer & Grammelspacher – nota universalmente con il suo marchio Diana – ha conquistato grande notorietà nel campo delle armi ad aria compressa, tanto da diventare quasi sinonimo di questo tipo di arma economico destinato al tiro da divertimento. Nel corso dei decenni la produzione Diana si è moltiplicata fino a coprire anche altri segmenti del mercato; tuttavia i modelli tradizionali, quei “fuciletti” che hanno fatto sognare milioni di ragazzi, sono rimasti uno dei pezzi forti in catalogo.

continua la lettura a pag. 88 N. 73/2018

Una signorile compostezza

Il kipplauf di ultima generazione ha in parte soppiantato la poesia del monocolpo con chiusura a blocco grazie al suo peso molto ridotto: il Ruger N.1 tuttavia resiste, tetragono a ogni avversità e pronto a ogni cimento insieme alla storica 7 mm di Mauser

di Emanuele Tabasso

La storia dei fucili monocolpo con chiusura a blocco è ben nota: parte dalla metà dell’Ottocento con le cartucce in carta combustibile e innesco a luminello dipanandosi con quelle a bossolo metallico in cui la potenza veniva applicata senza tema di rotture. Di conseguenza le chiusure venivano adeguate ai nuovi ritrovati e non si intravvedeva nulla di meglio della soluzione a blocco – oscillante, cadente o rotante che fosse – incassato in un castello solitamente molto compatto in cui il rapporto fra dimensioni esterne e sezioni resistenti era ampiamente favorevole.

continua la lettura a pag. 72 N. 73/2018

Altri articoli...
Banner

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information