Cerca nel sito

Newsletter

Registrarsi è completamente gratuito. Compila i dati nel form sottostante.
Privacy e Termini di Utilizzo
Banner
Banner
Banner

Armi Lunghe

Studio di gruppo

Una decina di anni fa la diffusione della caccia al cinghiale era già in pieno fermento e quindi anche la Merkel proponeva un suo semiautomatico a canna rigata dove il complesso tecnico e stilistico sfruttava al meglio le capacità dell’azienda e degli allora recenti collegamenti societari

di Emanuele Tabasso
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Il raggruppamento di blasonate aziende tedesche di armi sotto a un paio di complessi finanziari ha creato linee di prodotti molto interessanti, soprattutto di elevata funzionalità grazie all’interscambio possibile fra i progetti di questa o quella Casa. Con visione lungimirante si è evitata la comoda omologazione, con minime differenza di dettaglio, lasciando la progettualità aziendale depositaria di una propria impostazione tecnica e stilistica così da raggiungere un ampio ventaglio di clientela, affezionata al marchio e a quel che ne consegue, permettendo scelte che soddisfano l’individualità.

continua la lettura a pag. 46 N. 61/2017

Due canne rigate secondo tradizione

I fucili Express hanno conquistato un ampio spazio sul mercato grazie alla caccia al cinghiale e alla considerazione che molti cacciatori dedicano a quest’arma vista come elemento di spicco per funzionalità e classe

di Emanuele Tabasso
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

I sovrapposti a canne rigate vanno molto bene e non gli si possono muovere appunti tecnici di sorta, ma se vogliamo seguire le tracce della storia dovremo senz’altro considerare come la soluzione di abbinare le due canne rigate sia appannaggio del parallelo, in particolare di quei magnifici esempi creati dalle grandi firme britanniche che, nei decenni a cavallo del XIX e XX secolo, mostrarono ai cacciatori di bestie feroci il meglio della loro inventiva e delle loro capacità realizzative.

continua la lettura a pag. 34 N. 61/2017

La forza e l'eleganza

Sul finire degli Anni '30 la Franchi di Brescia aveva iniziato la produzione di un sovrapposto di gran livello cimentandosi nel difficile e particolare campo dello stile e delle chiusure di cui la Casa inglese Boss era l’epigono

Testo e foto di Emanuele Tabasso
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

In momenti in cui tante eccellenze industriali italiane sono passate in mani estere sembra quasi inopportuno rammentare come una nostra firma armiera meno di ottant’anni fa avesse tentato la scalata all’olimpo dei fucili a due canne sovrapposte esponendo, poco prima dell’entrata in guerra della nazione, un modello di particolare classe. Abbiamo detto inopportuno perché rigirare il coltello nella piaga fa sempre male e ricordare le cose belle che poi non hanno avuto seguito ha il sapore amaro della sconfitta.

continua la lettura a pag. 78 N. 60/2017

Soddisfazione raggiungibile

Un sovrapposto da 2,3 kg, nuovo di fabbrica, a 700 euro? Il nuovo .410 Magnum di Yildiz tenterà più di un cacciatore o tiratore alla ricerca di uno di questi fucili che uniscono pesi-piuma a prestazioni balistiche molto versatili

di Massimo Castiglione
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

La ditta Paganini di Torino importa in Italia ormai dall'inizio del millennio i fucili da caccia prodotti dall’azienda turca Yildiz Silah Sanayi: siamo nel campo dell’anima liscia, con un’articolata offerta di semiautomatici, doppiette e sovrapposti. La Yildiz Silah Sanayi è attiva fin dal 1952 e vanta una capacità produttiva di circa 15.000 fucili l’anno (semiautomatici, doppiette, sovrapposti e monocolpo basculanti, tutti con canna ad anima liscia).

continua la lettura a pag. 56 N. 60/2017

Carabina per impieghi speciali

Questa è la traduzione letterale della sigla di quest'arma in calibro .223 Rem., espressione molto valida delle capacità produttive della Casa elvetica B&T

di Paolo Tagini
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

La ditta B&T è diventata sinonimo di armi tattiche per impieghi specialistici; esordì negli anni '90 con i modelli semiauto (qualche lettore ricorderà la B&T 96 calibro 9x21 IMI, derivata dalla pistola mitragliatrice HK MP5) e un intenso percorso di sviluppo l'ha portata a costruire anche dei fucili bolt action da tiratore sniper. Dopo il modello APR, prodotto nei calibri .308 Winchester e .338 Lapua Magnum (v. ARMI & BALISTICA n. 43/2015), è stata la volta dell'SPR (Special Purpose Rifle) in .223 Remington.

continua la lettura a pag. 44 N. 60/2017

Altri articoli...
Banner

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information