Cerca nel sito

Newsletter

Registrarsi è completamente gratuito. Compila i dati nel form sottostante.
Privacy e Termini di Utilizzo
Banner
Banner
Banner

Pardini Armi e il campione olimpico Niccolò Campriani insieme per un progetto di solidarietà internazionale

La sede di Pardini Armi ha recentemente ospitato una troupe internazionale di 7 operatori (americani e svizzeri) di Olympic Channel, la piattaforma ufficiale del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), per le riprese del terzo episodio di Taking Refuge: Target Tokyo 2020, una mini-serie che andrà in onda a inizio 2020.
La serie è stata fortemente voluta da Niccolò Campriani, attuale campione olimpico, l'atleta che – con tre medaglie d'oro e una d'argento ottenute tra le Olimpiadi di Londra 2012 e quelle di Rio del 2016 – è il tiratore di carabina più vincente di sempre. Ritiratosi dallo sport dopo Rio, Campriani oggi è Sports Intelligence Manager presso il CIO. In vista dei Giochi di Tokyo 2020, ha deciso di investire la propria passione per lo sport e la propria attenzione per il sociale in un progetto personale finalizzato a dare voce e una speranza ai tanti rifugiati che, già alle Olimpiadi di Rio de Janeiro, hanno visto una propria rappresentativa partecipare alle gare sotto la bandiera del CIO. Il progetto di Niccolò affronta il tema dei flussi migratori, una delle grandi crisi del XXI secolo, e il suo fine è quello di allenare 3 ragazzi neofiti nella propria disciplina, la carabina ad aria compressa, e in poco più di un anno aiutarli a raggiungere un livello tecnico che permetta loro di essere selezionati dal CIO come destinatari di una card olimpica così da dare veramente allo sport quell'impatto positivo, anche sociale, che tutti gli riconoscono. La qualificazione olimpica, però, sottolinea Campriani, “è il mezzo e non il fine”, serve quindi a sollevare l'attenzione su un tema più importante.
Nella fase iniziale, documentata nella prima puntata della serie, Campriani ha selezionato i tre atleti che sta attualmente allenando: Mahdi, ventiduenne dell'Afghanistan, l'araba Khaoula (30) e Luna (25), che proviene da una zona rurale dell'Africa. Dopo i primi mesi di preparazione, i Campionati italiani di Tiro a segno che si sono disputati lo scorso luglio a Bologna sono stati l'occasione perché i tre del team Campriani si confrontassero con il clima di una vera competizione.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information