Cerca nel sito

Newsletter

Registrarsi è completamente gratuito. Compila i dati nel form sottostante.
Privacy e Termini di Utilizzo
Banner
Banner
Banner

FINALE CAMPIONATO ITALIANO TRS -Una Finale col botto

Dal 13 al 16 settembre a Catania il grande epilogo della stagione agonistica 2018 del Tiro Rapido Sportivo
di Roberto Bauso – Consigliere TSN Catania

Contrariamente al solito “tam tam” che ogni anno si ripete puntualmente sui social circa curiosità e/o notizie inerenti la finale di turno, quest’anno pare vi siano stati diversi dissensi sul come o perché andare al Sud Italia ad affrontare l’epilogo della stagione 2018 di Tiro Rapido Sportivo; ma tutto ciò non è servito a scoraggiare né la compagine inviata dalla UITS, né tanto meno gli stessi padroni di casa che hanno fatto sì che ogni cosa funzionasse a dovere, oltre che per ragioni squisitamente organizzative anche per un principio etico-morale, giusto per far sentire ognuno dei partecipanti come a casa propria cercando di sfatare totalmente il “tam tam” di turno dimostrando esattamente il contrario di quanto ci si aspettava da questa grande e tanto discussa Finale.
Le danze si sono aperte puntualmente giovedì 13 settembre mattina che ha visto la partecipazione di 37 atleti gareggiare nella categoria 22 L.R. e 21 in quella di Minirifle;
venerdì è toccato esibirsi agli indefessi amanti di Revolver e Monofilari, rispettivamente con 28 e 33 partecipanti; infine ben 68 i tiratori che di Semiauto si sono contesi il titolo italiano nel corso di sabato 15 e domenica 16 settembre, per un totale di ben 187 partecipanti. Non male, per una meta tanto poco acclamata logisticamente ma facilmente raggiungibile con qualsiasi mezzo di trasporto…
Come di consueto, alla fine delle giornate di giovedì, venerdì e domenica, ha avuto luogo la cerimonia di premiazione che ha visto premiare, a cura della UITS, i migliori 3 tiratori di ogni gruppo di merito e categoria, nonché le prime 3 squadre classificate formate dai 3 componenti di ogni Sezione


Analizzando le classifiche, appare doveroso sottolineare e porre attenzione ad alcuni tiratori che son saliti sul gradino più alto del podio conquistando il titolo di Campione Italiano individuale di categoria che nel Tiro Rapido Sportivo stanno imprimendo la loro impronta:
Pasquale Scopelliti (Napoli)
Calabrese di origine e napoletano di adozione, prende parte al circuito nazionale del Tiro Rapido Sportivo solo dal 2015, praticando tutt’oggi altre discipline di tiro dinamico con successi di alto livello. Nel 2017 per soli 2 secondi non conquista la medaglia d’oro nella classifica di fascia in Semiauto ma si ripaga conquistando di gran carriera il titolo italiano nelle categorie 22 L.R. e Minirifle. Nella finale di Catania trova posto sul gradino più alto del podio, bissando i successi dell’anno scorso con ben 2 titoli italiani di fascia nelle categorie di 22 L.R. e Semiauto. Palese e di fondamentale importanza la sua presenza all’interno delle rappresentative della Sezione per la quale gareggia, che hanno conquistato ben 3 titoli italiani a squadre in 22 L.R., Minirifle e Semiauto.
Alessio Alquati (Varese)
Da un approfondito studio delle statistiche storiche del Tiro Rapido Sportivo risulta aver conquistato nella Finale di Catania il più alto numero di titoli e/o successi di tutti i tempi.
Infatti, con la conquista di ben 3 titoli italiani con tanto di medaglia d’oro (22 L.R./B – Monofilari/B – Semiauto/A) ed una medaglia di bronzo (Minirifle/A), Alessio Alquati primeggia tra i tanti campioni di Tiro Rapido col maggior numero di medaglie e titoli vinti individualmente nel corso di una Finale Nazionale. Da sottolineare che anche lui prende parte al circuito del TRS solo dal 2015.
Bruno Sconocchia (Bologna)
Che dire su di lui?  Sembrerebbe essere stato lui l’inventore del revolver. Infatti è il tiratore che da almeno 4 anni, nel Tiro Rapido Sportivo, non conosce rivali nella categoria delle classiche pistole a tamburo, se non i suoi stessi compagni di squadra (Roberto Marchi e Giuseppe Coppola), con i quali sistematicamente ogni anno si laurea Campione Italiano anche a squadre. Probabilmente merito delle sue mani da famoso ed acclamato musicista, riesce a manipolare il suo revolver con una maestria che ha dell’incredibile, riuscendo persino a sparare con la velocità di una semiautomatica, mantenendo una precisione impeccabile. Tiratore che espleta tutt’oggi anche gare di altri circuiti anche a livello internazionale.
Alessandro Cariati (Legnano)
Un tiratore che non ha bisogno di presentazioni. Per il quarto anno di fila riesce a conquistare il titolo italiano di Monofilare e attualmente segue Alquati nel suo primato nel medagliere appena conquistato. Atleta dalle alte doti agonistiche, ha sempre gareggiato umilmente e col massimo rispetto verso i suoi avversari che da tempo cercano di sottrargli il titolo senza sortire alcun successo. Precisione e velocità sembrano essere i suoi compagni ideali per ogni occasione, sia nelle gare di qualificazione che durante le Finali Nazionali. Ha dato spettacolo nelle Finali del 2015 a Verona così come nel 2017 a Bologna per non smentirsi nel 2018 a Catania; favorevole per lui l’ottima compagnia dei suoi colleghi di Sezione altrettanto squisiti e degni di accompagnarsi a lui.
Davide Rovere (Palmi)
Quando si parla di lui si parla solo ed esclusivamente di medaglie, titoli e successi di vario genere. Eh sì, infatti riesce sempre nelle sue imprese in qualsiasi delle specialità di tiro che pratica con tanta dedizione, sia ISSF che non ISSF.
Laureatosi in diverse occasioni Campione Italiano di fascia, Davide riesce sempre a dare il meglio di se non percependo alcuna emozione tale da fargli perdere il punto della situazione che alla fine lo porta sempre sul podio, a prescindere dal gradino conquistato. Ragazzo giovane, di grandi potenzialità ed aspettative che ognuno di noi gli augura possano essere un giorno da lui realizzate con il medesimo successo che ottiene sui campi di gara. Pupillo indiscusso della Famiglia Gaudioso che gestisce, ognuno per le proprie competenze, il Tiro a Segno Nazionale di Palmi (RC).
Sergeeva Irina Leonidovna (Lucca)
Bella, brava e con gli occhi color cristallo. Prima classificata nella “neonata” categoria Lady per la specialità Semiauto. Ha conquistato il suo primo titolo italiano proprio nella Finale di Catania; ha affrontato una gara con grande determinazione e spirito agonistico che, alla fine, gli ha regalato il gradino più alto del podio. Tiratrice di origine bielorussa, ma ormai italiana a tutti gli effetti, riesce a pieno titolo a saper gestire la sua vita ed i suoi successi sportivi alternandosi nelle vesti di mamma, moglie ed atleta della Sezione di Lucca, il cui Presidente sarà sicuramente orgoglioso di annoverare tra i suoi iscritti.

Ovviamente un plauso va a tutti i premiati che, comunque, si sono distinti per la loro performance rispetto a tutti gli atleti ammessi in Finale. Nel corso della cerimonia di apertura dell’evento, avvenuta nella giornata di giovedì, diverse le autorità presenti in loco che hanno avuto il piacere e l’onore di premiare i vincitori; tra questi il neo Sindaco di Catania Dott. Salvo Pogliese che, oltre a congratularsi con i campioni, si è detto soddisfatto e fiero di aver ospitato una simile manifestazione nella città.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information