Cerca nel sito

Newsletter

Registrarsi è completamente gratuito. Compila i dati nel form sottostante.
Privacy e Termini di Utilizzo
Banner
Banner
Banner

NUMERO 79 - 2018

Buoni e cattivi maestri

"La camorra c'è, ma ci sono persone che guadagnano sui diritti d'autore". Lo ha detto Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, intervenendo a un incontro svoltosi a Napoli alla fine di luglio. "Persone – ha proseguito De Luca – che si fanno i milioni rovinando intere generazioni di ragazzi che, per fenomeni imitativi, si comportano come quegli imbecilli delle serie Tv. Possiamo dirlo o no?".
Le parole del presidente De Luca ci inducono senz'altro a delle riflessioni: ci lamentiamo della violenza – sia questa fisica o verbale – della nostra società, ma non ci chiediamo mai chi sono i cattivi maestri? A volte si fa un uso irresponsabile delle armi da sparo ma non ci rendiamo conto che i programmi Tv, certamente per fare audience, ci propinano continuamente morti ammazzati, cadaveri sbudellati e altre nefandezze del genere. Non stiamo parlando dei telegiornali, dove le scene più cruente sono sempre risparmiate alla vista degli spettatori, ma di quella che dovrebbe essere la televisione da intrattenimento, dello spettacolo. Per internet valgono purtroppo le stesse constatazioni, con la triste differenza che i filmati postati sono quasi sempre veri: studenti che maltrattano e dileggiano gli insegnanti, scene di stupro, news diffamatorie e via di seguito.
Il senso morale nel nostro Paese si sta perdendo ma la maggioranza non se ne vuole rendere conto perché in fondo va bene così: chi guarderebbe oggi in Tv programmi formativi come “Non è mai troppo tardi” che insegnò a milioni di analfabeti a leggere e a scrivere nell'Italia del boom economico degli anni Sessanta? Meglio le sparatorie dell'ultimo serial americano, anche se gli analfabeti di ritorno oggi non mancano...
Che la situazione sia preoccupante è fuori discussione, ma non c'è la minima volontà di affrontare il problema. E così, molto comodamente, si trova con puntuale regolarità il colpevole di tutti i mali: le armi!

Paolo Tagini

Banner

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information