Cerca nel sito

Newsletter

Registrarsi è completamente gratuito. Compila i dati nel form sottostante.
Privacy e Termini di Utilizzo
Banner
Banner
Banner

Para-USA 1911

Dal 2012 questa ditta è entrata a far parte del Freedom Group e, sotto la guida e il controllo della Remington, ha completamente rivoluzionato la sua produzione di pistole tipo 1911 che oggi garantiscono un livello qualitativo costante ed elevato

di Paolo Tagini


Nella seconda metà degli anni Ottanta, stimolata delle gare di tiro pratico – così si chiamava allora il tiro dinamico sportivo – iniziò la costruzione delle prime pistole basate sul classico archetipo Colt Government alimentate con un caricatore bifilare. I tentativi originari avvennero a livello amatoriale o artigianale, per opera di arditi armaioli o dei tiratori stessi; accanto a questi prototipi (per lo più pezzi unici), si videro anche le prime realizzazioni industriali.
Nel 1988 la canadese Para-Ordnance, nome fino a quel momento sconosciuto, presentò un fusto tipo Government di lega leggera con caricatore bifilare da quattordici colpi in calibro .45 ACP che poteva essere montato su una normale Colt Government. Due anni dopo la Para-Ordnance uscì sul mercato con l’arma completa (modello P14-45).
Dal punto di vista industriale fu sicuramente una buona idea e la Casa nordamericana, nel corso degli anni, sviluppò una linea completa di pistole tipo Government, con caricatore tanto bifilare quanto monofilare, disponibili in diversi calibri e allestimenti.
Con la morte improvvisa di Ted Szabo (uno dei due fondatori) avvenuta nel 2007, iniziò un periodo di crisi per l’azienda, che nel 2009 si trasferì negli Stati Uniti assumendo la nuova denominazione di Para-USA. La qualità di queste pistole non dava però più garanzie di costanza e le cose non tardarono a peggiorare. Nel gennaio 2012 la Para-USA LLC è stata acquistata dal gruppo industriale Freedom Group che è capitanato dalla Remington e del quale fanno parte, fra l’altro, anche Marlin, Bushmaster e Dakota Arms.
La ‘cura Remington’ è stata piuttosto drastica, con una radicale rivoluzione dell’impostazione della fabbrica; tuttavia nel giro di un anno si è cominciato a vedere i risultati.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information