Brutta ma buona?


 


Cerca nel sito

Newsletter

Registrarsi è completamente gratuito. Compila i dati nel form sottostante.
Privacy e Termini di Utilizzo
Banner
Banner
Banner

Brutta ma buona?

Dal punto di vista collezionistico quest’arma molto desiderabile, non solo per la sua rarità ma anche, almeno per chi delle armi ama il funzionamento, per l’originalità delle soluzioni e, soprattutto, per le inutili complicazioni della sua meccanica

di Sergio Lorvik

La produzione delle armi da fianco della mai troppo compianta Webley & Scott di Handsworth (Birmingham) si distingueva per due fondamentali caratteristiche: la robustezza e l’affidabilità dei suoi revolver che equipaggiarono il valoroso esercito di Sua Maestà britannica su tutti i fronti del suo vasto impero, dal 1887 e fino al termine della Seconda guerra mondiale, nonché l’impareggiabile aspetto sgraziato delle sue semiautomatiche.

continua la lettura a pag. 80 n. 73/2018

Banner

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information