Cerca nel sito

Newsletter

Registrarsi è completamente gratuito. Compila i dati nel form sottostante.
Privacy e Termini di Utilizzo
Banner
Banner
Banner

L'asta dell'anniversario di Hermann Historica si chiude con risultati eccellenti

La 75ª asta della Casa ha presentato una selezione fenomenale di lotti, tra cui ricordi di case regnanti europee, magnifiche opere d'arte provenienti da tutto il mondo, decorazioni di ordini e armi da fuoco antiche ineguagliabili

Circa 6.800 oggetti da collezione provenienti da tutte le aree specialistiche rappresentate dalla Casa – antichità, armi e armature, opere d'arte, caccia antiquariato, ordini e oggetti da collezione provenienti da tutti i settori e dalla storia militare – sono stati battuti durante i nove giorni della 75ª asta di Hermann Historica tenutasi a Monaco di Baviera nello scorso mese dicembre. L'ampia gamma di oggetti preziosi di alta qualità, di numerose epoche e di tutto il mondo, comprendeva fra l'altro tre collezioni complete. Tutte le sezioni hanno raggiunto prezzi finali notevoli, con molti degli oggetti migliori che sono stati aggiudicati a musei e collezioni pubbliche.
Le armi da fuoco antiche di qualità più elevata hanno mantenuto il loro valore ai massimi livelli negli ultimi anni, tuttavia quest'asta autunnale ha fatto registrare un ulteriore apprezzamento significativo. È stato per esempio eccitante vedere schizzare da 12.000 a 27.000 euro l'offerta per un pesante fucile tedesco ad accensione combinata a pietra e a ruota del 1580. Questa rara arma vantava il meccanismo a ruota inciso e il calcio di legno d'ebano con intarsi di osso.


Datato 1662, uno splendido fucile di lusso costruito in Boemia, probabilmente da Cheb, aveva mantenuto il posto d'onore nella collezione appartenuta ai principi di Salm-Reifferscheidt per molti anni. Lussuosamente impreziosito con magnifiche scene di caccia, maschere e ornamenti d'acanto incisi sul calcio di noce e sulla meccanica, questo pezzo unico avrebbe dovuto raccogliere secondo le stime 15.000 euro, mentre ha chiuso a 24.000 euro.
Inoltre, una coppia di lussuose pistole a percussione, dorate, del laboratorio del genero del celebre Henri Le Page, Le Page Moutier, aveva attirato un grande interesse durante la preparazione all'asta. Non sorprende, quindi, che il martello abbia fermato il prezzo a 23.000 euro, nonostante la guida indicasse una stima di 12.000 euro. Queste pistole sorprendenti, complete di tutti i loro accessori in cassetta, erano state realizzate intorno al 1850 nell'officina dell'armaiolo a Parigi.
Ancora una volta la sezione delle armi moderne garantiva ulteriori pezzi di pregio, come un'Astra Modello F, calibro 9 mm Largo, che fu fornita all'Inspecion General de la Guardia Civil a Madrid nel 1935; di questa serie furono prodotti solo 1.126 esemplari. Con un prezzo iniziale di 5.000 euro, è stata acquistata per 14.500 euro, cifra che ne riflette la rarità e la condizione (quasi nuova) in cui si trova quest'arma. Altre pistole prodotte in quantità limitata e in uno stato di conservazione praticamente immacolato erano quelle della collezione di Helmut Unger. La Dreyse 1910 a sette colpi matricola n. 3008 in calibro 9 Parabellum si aspettava raggiungesse almeno i 5.000 euro: è stata poi venduta per 6.900 euro. Stessa storia per una Walther Modello 6 matricola n. 710, nello stesso calibro: le offerte sono iniziate a 6.000 euro e alla fine l'arma ha cambiato di proprietà per 7.600 euro.

Banner

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta .

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information